Cos’è la meditazione

//Cos’è la meditazione
Cos’è la meditazione 2018-12-11T10:44:07+00:00

Che cos’è la meditazione?

Una delle domande più frequenti che una persona che non ha mai meditato pone ad una che medita è: “Ma su cosa mediti?”
Una delle risposte più frequenti è: “Su nulla, è proprio quello il punto!”

Meditare significa anzitutto provare a fare silenzio… dentro di sé.

Di solito chi inizia a meditare racconta: “io ho provato a sedermi in silenzio, ma non ce n’è… l’unica cosa che accade è che la mia mente va a ruota libera e non si ferma, il mio cuore batte forte e mi provoca una sorta di un’ansia nel petto che rende impossibile lo star seduto”.

E qui interviene Osho, che dice: “Infatti ho creato le meditazioni attive”

E’ praticamente impossibile per l’uomo moderno sedersi in posizione del loto e meditare. Cioè, può farlo, ma non farebbe altro che controllarsi, costringersi, quindi reprimersi pur di assomigliare alla bella statuina del Buddha comperata nell’ultimo viaggio in Oriente e riposta in bella vista sul proprio comodino a mo’ di monito: ricordati che devi meditare!

Io ho ideato uno stratagemma. Si tratta di essere attivi al punto che l’attività si arresta da sola, essere attivi in modo così folle che la mente stessa che attualmente brama l’attività in maniera spasmodica, venga espulsa dall’organismo. Solo allora, solo dopo una profonda catarsi potrai cadere nella non attività e avere un barlume di intuizione di un mondo che non sia il mondo dello sforzo in cui vivi.” (OSHO, The New Alchemy)

Perché meditare insieme?

Se tutti provano assieme a far silenzio dentro di sé qualcosa accade anche all’esterno, nell’ambiente circostante e si crea un silenzio attorno che aiuta, nel senso che accompagna e riflette un silenzio interiore che, in quel dato momento, o troviamo o non troviamo.

Quali sono i benefici della meditazione?

Una volta praticata la meditazione “dalle…alle” in un luogo raccolto, nella propria stanza, da soli o insieme alle altre persone sorge la sfida di provare a creare lo stesso spazio di presenza nel compiere tutti i gesti della propria vita quotidiana.

E’ allora che si scopre che la meditazione è Vivere la Vita. La meditazione è lavoro, è gioco, è creatività, è compiere ogni passo restando centrati, testimoni dei propri atti, è pulire la propria casa, è attendere il tram alla fermata, è stare nel presente.

Man mano che la propria sensibilità aumenta, affiora tutto il rumore da cui siamo costantemente circondati, a cui siamo assuefatti, a cui quasi non facciamo nemmeno più caso perché sino a quel momento non esisteva un termine di paragone.

Ora, contattando una nuova dimensione, possiamo scoprire che tutto quel rumore non è naturale, né è obbligatorio subirlo.

Sta a noi trasformare la nostra vita, ricercando e scoprendo nuovi territori inesplorati.